Cosa fare prima, durante e dopo un trasloco?

E’ arrivato il grande momento: finalmente si cambia casa! Si tratta di un momento bellissimo preceduto da un bel po’ di cose da fare, ma l’organizzazione è sempre un’arma vincente per procedere nel modo migliore.
Vediamo insieme qualche consiglio relativamente alle attività da svolgere prima, durante e dopo questo fatidico momento nella vita di single e famiglie: il trasloco.

Cosa fare prima di un trasloco: l’organizzazione

I giorni che precedono il trasloco sono fondamentali.
L’avrai sentito dire moltissime volte, ma iniziare almeno una quarantina di giorni prima della fatidica data è davvero fondamentale soprattutto perché preparare le cose con un certo anticipo ti permetterà di evitare lo stress che si dice accompagni ogni trasloco.

Vediamo insieme come:

  1. una buona informazione,
  2. un’accurata organizzazione,
  3. azioni efficienti e produttive

potranno aiutarti nei giorni che si frappongono tra la tua vecchia e la tua nuova vita.

Preparati per il trasloco

Una buona informazione permette di evitare la paura della novità: quando conosciamo bene una situazione ne abbiamo meno timore. Non sei d’accordo?
Nel caso dei traslochi come si può applicare questo buon consiglio?

Ditta di traslochi: come trovare quella giusta

Non è così difficile trovare una ditta di traslochi a Milano. Forse un po’ più difficile sarà trovare quella giusta per le tue esigenze. Come puoi farlo?
La presenza del sito Internet. Per una ditta avere un sito ben fatto significa non aver paura di parlare di sé e dei servizi che offre.
E’ importante che offra servizi su misura per diversi tipi di clientela tra cui potrai scegliere quello che fa per te: montaggio e smontaggio di mobili e arredi, imballaggio, trasporto nazionale ed internazionale, noleggio di mezzi per il trasloco, offerta di consone polizze assicurative, trasporto di oggetti preziosi e fragili, espletamento delle necessarie pratiche burocratiche.

Quando avrai trovato la ditta giusta non tenere per te le informazioni sul tipo di servizio che richiedi: più accurate saranno le tue informazioni, più veritiero sarà il preventivo. Non temere di fare domande che serviranno per ottenere le risposte che ti serviranno a decidere al meglio. Chiedi il tipo di servizio che la ditta ti può offrire, se verranno utilizzati elevatori per il trasloco (molto utili in diverse zone di Milano), se saranno i traslocatori ad occuparsi degli eventuali permessi, che tipo di assicurazione stipuleranno per il vostro trasloco, ecc. Se hai la possibilità di scegliere il giorno del trasloco, chiedi se la ditta offre degli sconti per alcune date. Ovviamente richiedi un preventivo accurato.

Affrontare il cambiamento

Spesso la paura è legata all’idea di fare un salto nel buio. Sei dell’idea del chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia non sa quel che trova? Anche qui l’informazione ti aiuterà a conoscere gli aspetti della vita che ti aspetta.

Se sei tra le circa 51.000 persone che ogni anno arrivano a Milano, sappi che questa città, nota per vivere in ogni ora del giorno e della notte, offre molte opportunità a coloro che vogliono viverla.
O magari sei tra coloro che lasciano il centro per Paderno Dugnano o Cernusco o qualsiasi altra cittadina dell’area metropolitana Milanese, oppure per la campagna o per un’altra città in una zona diversa dell’Italia o ti stai recando all’estero. Concentrati sul fatto che i cambiamenti sono spesso molto salutari e pensa positivo: ogni zona ha i suoi vantaggi, tutto sta alla nostra volontà di coglierli, occorre solo un po’ di organizzazione e di amore per la novità.

Prima di trovarti sul posto approfitta per raccogliere tutte le informazioni necessarie su quella che sarà la tua e vostra nuova vita, soprattutto per quanto riguarda la scuola e le attività sportive per te e i tuoi figli, scoprire l’organizzazione della sanità, gli eventi culturali offerti, e tutto quello che potrebbe interessarvi.
Internet ti aiuterà moltissimo, e i consigli delle persone che abitano nella zona ancora di più.

Consigli degli esperti di traslochi

Chiunque abbia effettuato almeno un trasloco è una buona fonte di consigli. Migliore ancora come fonte di suggerimenti è la ditta di traslochi che ti seguirà, visto che saranno loro ad occuparsi del tuo trasloco e magari hanno alcune tecniche affinate nel tempo e vogliono la tua collaborazione.
In Internet troverai anche alcuni video che potrebbero aiutarti. Ecco qualche esempio:

Pratiche burocratiche da effettuare prima del trasloco

Ci sono alcune pratiche burocratiche necessarie da effettuare prima di effettuare il trasloco. Facciamo qualche esempio:

  • Disdetta del contratto di locazione
  • Disdetta delle utenze (energia, gas, immondizia, telefono, Internet, ecc.)
  • Informare il condominio della tua partenza
  • Cancellazione dei tuoi figli dalla vecchia scuola e iscrizione alla nuova
  • Cancellazione tua o dei tuoi figli da eventuali attività sportive o da corsi che frequentate
  • Allacci e volture per la nuova casa

Pensa alla vostra vita e prendi nota delle persone da avvisare, alle disdette da effettuare o i trasferimenti da richiedere.

Organizzati per il trasloco

L’organizzazione è il miglior amico dell’uomo (e della donna).
Senza organizzazione non è assolutamente possibile effettuare un trasloco senza stress ed inconvenienti, quindi sii pronto a mettere nero su bianco le cose da fare, le date in cui farle e a seguire la tua check-list senza distrazioni spuntando le attività non appena terminate. Questo ti darà la carica e la motivazione giusta per effettuare il trasloco perfetto.

Pianifica il trasloco: non farti prendere dalla fretta!

Abbiamo appena parlato dell’aiuto che può fornirti una checklist ben meditata. Questo metodo un po’ anglosassone è davvero utile da un punto di vista organizzativo, per scovare tutte le cose da fare, ma anche motivazionale: la voglia di contrassegnare come “fatta” un’attività può aiutarci a farla anche quando non ci piace troppo!

Ricorda di coinvolgere in quest’attività l’intera famiglia: è un momento da vivere insieme e anche i più piccoli potranno dare una mano e sentirsi parte della famiglia. Questo può essere un momento da utilizzare per insegnare ai bambini che anche loro hanno dei doveri e possono svolgerli divertendosi insieme ai loro cari.

Quando effettuare il trasloco
Spesso i traslochi vengono effettuati nei mesi primaverili o estivi e quasi sempre nel fine settimana. Questi, quindi, sono i momenti in cui sarà più facile che le ditte di trasloco siano occupate. E’ ovvio che sono i vostri impegni spesso a decidere il periodo del trasloco, ma se ne hai la possibilità, puoi pianificare il tuo trasloco durante la settimana, ricordando che arrivare nella nuova destinazione quando le attività commerciali e gli enti pubblici sono aperti potrebbe aiutarti molto.
Pensa bene al clima di Milano e decidi il periodo anche in base ad esso.

Gestione delle attività quotidiane e del trasloco
Il periodo in cui dovrai affrontare il trasloco sarà certamente piuttosto intenso perché le normali attività giornaliere dovranno essere combinate dai preparativi per la tua nuova vita.

Cerca di essere razionale e fatti un ordine logico o meglio scritto delle cose da fare ogni giorno, magari evitando di sovraccaricarti con le attività connesse al trasloco tutte insieme e svolgendole diluendole nel tempo. Se inizi con un certo anticipo, potresti imballare le cose che non servono alla tua famiglia giornalmente e magari i capi di abbigliamento della stagione più lontana.

Diluire le attività nel tempo ti permetterà di non arrivare esausto alla giorno del trasloco e di razionalizzare al meglio evitando di portare con te cose che non utilizzi da anni e forse mai utilizzerai.

Preparati per il giorno del trasloco
Non è mai troppo presto per pensare alla data X! Il giorno del trasloco e quelli immediatamente precedenti o seguenti quella data potrebbero mettere a dura prova i tuoi nervi e quelli dei tuoi familiari. Quindi pensa ora a come sistemare al meglio i tuoi animali domestici, a chi può occuparsi dei bambini o degli anziani di casa.

Pensare anche ai medicinali, al cibo dei vostri bambini e dei vostri amici animali e alle abitudini di ciascun membro della famiglia ti permetterà di non dimenticare nulla di importante. Vedrai che essere organizzati ripaga!

Cibo e trasloco: cosa fare?
Può sembrare una sciocchezza, ma il cibo fa parte della nostra quotidianità e non va trascurato. Può accadere di arrivare al giorno del trasloco con un freezer pieno zeppo di cibo o con tante scatolette della dispensa da sistemare.
Si può evitare questo cercando di consumare nel tempo gli alimenti, senza acquistarne di nuovi. Chiedi la collaborazione della famiglia: il gioco consiste nel mangiare tutto, magari inventando nuove ricette e aprendoci a nuovi gusti da provare.

Se sei un single cerca di arrivare al mese prima del trasloco senza nulla in freezer e servendoti delle magnifiche monoporzioni che ultimamente sono presenti nei supermercati evitando di riempirne la dispensa!

Pensa anche al cibo per il giorno del trasloco senza dimenticare la colazione del giorno seguente. Può essere divertente farla insieme in mezzo agli scatoloni!

L’inventario di vestiti/mobili/oggetti da portare o scartare quando si trasloca

Magari fino al giorno del trasloco non ti eri mai reso conto di quanti vestiti possedessi o quanti piccoli e grandi oggetti avessi in giro per la casa, ma ora è arrivato il momento di far luce su questi dati essenziali al trasloco.

Fai un utile esercizio mentale davanti ad ogni oggetto e chiediti: quanto tempo è che non lo uso o non lo indosso? Sarebbe utile portarlo con me intasando il camion del trasloco quando ho la ragionevole certezza che non lo utilizzerò mai o pochissimo?

Una volta fatta questa riflessione, invita ciascun componente della famiglia a fare lo stesso, invitandoli ad essere pratici più che sentimentali.

Elimina quello che non serve
Dopo aver deciso di disfarsi di oggetti ed abiti, eliminali prima di pentirtene. Il pensiero di dargli una nuova vita può aiutarti a liberartene: magari potresti fare delle buste diverse per abiti e vestiti da buttare perché rovinati e per quelli da regalare o vendere.

Se hai dei bambini puoi chiedere ad altre mamme se vogliono dare un’occhiata tra i vestiti e i giocattoli dei vostri figli, potrebbe esserci qualcosa che gli piace e gli serve e sempre di meno le persone si vergognano di accettare regali. Lo stesso può dirsi di amiche o amici che hanno la vostra stessa taglia.
Se invece non hai nessuno a cui regalare, esistono moltissime onlus che organizzano raccolte di abiti o accessori usati in buono stato. Esistono anche alcune catene di abbigliamento che prendono i vostri vecchi vestiti in cambio di un buono sconto da utilizzare nei loro negozi.

Fai delle foto della disposizione di mobili nella vecchia casa
Non sempre serve, ma può essere utile per ricordare com’era casa tua e magari ricreare quell’angolo che vi piaceva tanto.

Cosa avere per traslocare al meglio

Ci sono alcune cose che sono davvero necessario per un trasloco felice. Alcune di esse sono già in casa, occorre solo trovarle e metterle in una zona della casa semplice da raggiungere, altre vanno acquistate o tenute da parte.

Ritorniamo al concetto di checklist. Repetita iuvant: le liste sono davvero essenziali per non dimenticare niente e se vuoi essere efficiente possono aiutarti ad esserlo al meglio: non ci limitiamo a farle, usiamole! Preparala facendoti domande:

  • Cosa mi servirà che già possiedo?
  • Cosa mi servirà che posso chiedere in prestito?
  • Cosa mi servirà che devo acquistare?

Acquista oggetti utili per il trasloco (e non ne acquistare di inutili)
Tanti sono gli oggetti che possono servirci per il trasloco. E tanti altri no. Pensa a quelli che possono esserti utili ed acquistali:

  • Scatoloni
  • Pennarelli indelebili
  • Pluriball in rotolo
  • Sacchetti
  • Nastro da pacchi
  • Forbici
  • Etichette di dimensioni diverse
  • Colle
  • Nastro adesivo
  • Buste
  • Elastici

Non acquistare nulla che non sia assolutamente necessario per la tua vita nel prossimo mese/settimana (a seconda di quando sia fissato il trasloco).

Metti da parte giornali, asciugamani, canovacci e buste
Uno dei principi fondamentali del traslocatore seriale è: infila oggetti all’interno di altri oggetti per evitare sprechi di spazio. Esempio: all’interno delle borse puoi mettere sciarpe, foulard, guanti, vestiti e quanto possa essere arrotolato. Ma soprattutto quando si tratta di oggetti fragili o che possono rovinarsi non dimenticare di avvolgerli con asciugamani, canovacci, giornali e buste.
Quindi cerca di non farti sfuggire la possibilità di accumularli!

Consigli pratici per il trasloco

Essere organizzati non basta. Occorre agire in base a ciò che si è deciso di fare e occorre farlo nei tempi previsti. Ti sembrerà che alcuni consigli non facciano per te, ma prova a metterli in pratica e vedrai come saranno utili.

Disegna una mappa della nuova casa

Razionali sempre e comunque: una mappa della nuova casa può aiutarci a pensare in anticipo a come sistemare i vari mobili ed oggetti e a dove stipare i pacchi in attesa di essere aperti. Ti aiuterà anche ad immaginarti nella nuova casa e sarà utile anche per i traslocatori che ti appoggeranno nel vostro lavoro.

Impacchetta ed imbusta

Questo è uno dei momenti più importanti del trasloco. Se decidi di occuparti personalmente dell’imballaggio di alcuni oggetti, ti consigliamo di lasciare al traslocatore la responsabilità di smontare mobili, imballarli e poi rimontarli: ti faciliterà enormemente la vita. Se vuoi, comunque, potrai ricorrere ai suoi servizi anche per l’attività di imballaggio.

Uno dei consigli più utili per procedere alla preparazione di pacchi è concentrarsi su una stanza della nuova casa alla volta: questo ti aiuterà sia ad essere metodico che preciso nel contrassegnare i vari pacchi.

Eccoci ad un’attività davvero importantissima l’etichettatura che dovrà contenere:

  1. la descrizione specifica dell’oggetto o degli oggetti contenuti,
  2. il luogo in cui l’oggetto sarà destinato (es. cucina, bagno blu, bagno verde, stanza matrimoniale, ecc.),
  3. l’indicazione del mobile in cui dovrà essere riposto
  4. se possibile una foto del contenuto.

Se ti servi di un traslocatore potrebbe essere utile inserire il cognome della famiglia e l’indirizzo del pacco. Un’idea interessante può essere quella delle ricariche di telefoni e oggetti elettronici: etichettale tutte specificandone il proprietario e l’uso specifico e mettile tutte insieme in una scatola.

Per quanto riguarda il modo di inserire gli oggetti nel pacco le regole d’oro sono: bilanciarli di modo che lo scatolone non pesi tantissimo su un lato e pochissimo sull’altro, riempire i vuoti per evitare che gli oggetti possano muoversi e forse rovinarsi durante il trasloco. In ogni pacco andranno inseriti oggetti diretti ad una sola stanza, non a stanze diverse.

Chiedi al tuo traslocatore se ha disponibilità di baule armadio: è comodissimo ed utilissimo per far passare gli abiti dal vecchio al nuovo armadio senza sgualcirli.

Sarai pronta o pronto per una passeggiata in centro o per un happy hour anche il giorno successivo al trasloco!

Pulisci casa nuova e organizza gli spazi

Prima di traslocare sarà davvero utile dare una bella pulita alla casa. Non farti smontare dal pensiero “tanto si risporcherà tutto”: è vero ma si sporcherà decisamente meno!
Entrare in una casa sporca non è molto accogliente e può essere un po’ sconfortante. Non dimenticare di pulire a fondo pavimento e pareti prima di mettere i mobili nella loro posizione definitiva. La prossima pulizia di quella zona potrebbe avvenire tra molto tempo! A trasloco effettuato e pacchi sistemati potrai farti aiutare da qualcuno, magari anche da una ditta di pulizie per rendere tutto ancora più igienizzato.

Prima delle pulizie fa’ una lista ed acquista i prodotti e le attrezzature necessarie senza dimenticare nulla ed evitare così noiose perdite di tempo e magari cogliendo l’occasione per portare nella nuova casa oggetti indispensabili come carta igienica, sapone, ecc.

Prepara una borsa per la prima notte a casa nuova

La prima notte e il giorno successivo avrete la netta sensazione di vivere in un caos. Sarà molto più semplice organizzare una o più valigie con gli abiti da utilizzare per i giorni seguenti al trasloco, senza dimenticare gli oggetti indispensabili come medicine, cibo per bimbi ed animali, giocattoli preferiti ecc. Pensa a tutto quello che usate giornalmente e cerca di sistemarlo in una borsa apposita contrassegnata da un’etichetta che sia ben comprensibile anche per i traslocatori.

Prendi appuntamento con i tecnici necessari per gli allacci

Questo ti renderà la vita senz’altro più semplice. Vivere senz’acqua, energia e servizi essenziali può sconfortare anche le persone più coraggiose. Potrai occupartene il giorno successivo al trasloco.

Cosa fare durante il trasloco

Momenti concitati quelli del trasloco, ma la tua preparazione anticipata ti consente di essere tranquillo e rilassato, pronto ad affrontare la sfida del giorno X!

La principale nemica dell’efficienza è l’ansia, quella strana sensazione che la situazione ti stia sfuggendo di mano: questa sezione della guida ti aiuterà a riflettere su piccoli dettagli a cui potresti non pensare, ma che renderanno quel giorno operoso e felice.

Lascia un posto per il camion o per le scale da trasloco davanti a casa

Questo è un particolare a cui non molti pensano, utilissimo soprattutto in una città come Milano in cui i parcheggi sono oro.
Il furgone, camion o scala arriveranno la mattina, spesso presto, ed aver pensato la sera precedente al dove potranno sostare è una scelta davvero vincente per velocizzare le operazioni e non far innervosire i vicini. Magari potresti calcolare la dimensione dei mezzi e parcheggiare le vostro auto da rimuovere al momento dell’arrivo del traslocatore.

Indossa vestiti comodi e con tasche capienti

Il giorno del trasloco “vestitevi a cipolla”, con abiti e scarpe comodissimi. Sono davvero utili tasche o marsupi in cui tenere pronti per l’uso pennarelli e nastri da imballaggio.

Sii puntuale e rilassato

Alzati con anticipo per fare una buona colazione e rilassarti: sei davanti ad una giornata faticosa e le energie sono importanti!
Cerca di non agitarti: non serve a nulla e il nervosismo può compromettere la velocità e l’efficienza delle operazioni. Attendi l’arrivo della ditta di traslochi concentrandoti sul fatto che sono dei professionisti e hanno tutto sotto controllo.

Ricorda che Milano e il suo hinterland possono essere piuttosto trafficati, quindi partire con tempo può essere una scelta vincente.
Se l’hai preparata, consegna ai traslocatori la mappa della tua nuova casa per capire dove lasciare i vari pacchi. I collaboratori della ditta apprezzeranno molto il tuo aiuto e quello della tua famiglia, ma fa’ attenzione a non intralciare le operazioni ricordando che si tratta di professionisti che sanno svolgere alla perfezione il loro lavoro. Fidati e lascia le cose nelle loro mani!

Effettua la lettura dei contatori e chiudili

Una foto dello stato dei contatori può essere utile. Se ne hai la possibilità svolgi questa operazione con un vicino di appartamento o con l’amministratore di condominio se disponibile.

Cosa fare dopo il trasloco

Finalmente sei nella vostra nuova casa! Pensa che i momenti concitati sono finiti, rilassati e inizia ad organizzare la vostra nuova vita.

Concentrati sul fatto che il giorno successivo al trasloco sembrerà infinito, ma pian piano le cose si sistemeranno, basta un po’ di programmazione.

Sgombera i punti di passaggio

Cerca di far sistemare le scatole all’interno delle stanze a cui sono destinate. Se non è possibile poniti l’obiettivo di liberare presto i punti di passaggio, soprattutto nei luoghi più trafficati come bagno, ingresso e cucina.
Se hai dei bambini o degli animali presta particolare attenzione a questo punto, magari cercando qualcuno che possa ospitarli mentre tu ti occupi di queste faccende necessarie.

Fai una lista di cose da fare dopo il trasloco

No, ancora liste? Ebbene sì, anche una volta che il peggio è passato, sono tante le cose da fare e bisogna farle al meglio, quindi perché non scriverle specificando i tempi di esecuzione e spuntarle una volta che sono state fatte? Ti toglierà di dosso lo stress e ti aiuterà a svolgere ogni cosa in modo efficiente.

Organizza il lavoro da fare insieme alla famiglia

Questo è il momento per coinvolgere l’intera famiglia per prendere possesso della nuova casa e per sentirla la “nostra” casa.

Anche i bambini dovranno avere un ruolo, anche se limitato alle loro capacità, ma questo alleggerirà il tuo lavoro, li terrà occupati e li responsabilizzerà. Fa’ vivere loro questi momenti come se fosse una caccia al tesoro, magari con dei piccoli premietti o dandogli dei punteggi. Vedrai come si impegneranno e questo vi permetterà di iniziare la vostra nuova vita in allegria. Potrai trovare tanti consigli nella guida Come organizzare un trasloco con i bambini.

Se sei single non rimanere da solo: se qualcuno vuole darti una mano, accetta, magari ricompensandolo con una bella merenda insieme o un regalino fatto con il cuore. Se non conosci nessuno nella nuova città non preoccuparti, sistemerai tutto nel migliore dei modi per ospitare i tuoi nuovi amici.

Nuovi contratti e burocrazia

Dopo che è passata la tempesta è tempo di iniziare con le pratiche burocratiche che purtroppo devono essere espletate.
Dovrai effettuare volture o allacci ancora non effettuati, presentarvi al condominio, chiedere il cambio di residenza all’ufficio anagrafe che a Milano deve essere effettuato entro 20 giorni dal trasferimento mediante la presentazione di alcuni moduli e documenti. Ricordati di comunicare il trasferimento anche se il comune rimane lo stesso: devi comunque far aggiornare l’indirizzo. Il cambio residenza deve essere comunicato anche all’Agenzia delle entrate e all’INPS.
Importante è inoltre recarsi all’ASL per scegliere il nuovo medico di famiglia e pediatra.

Inizia da subito la nuova vita dopo il trasloco

Forse desideravi cambiare casa e finalmente il momento è arrivato! Oppure i tuoi impegni di hanno in qualche modo costretto al trasferimento.

In ogni caso questo è il momento di godersi la nuova casa e la nuova sistemazione. Non lasciare che le mille cose da fare non ti permettano di visitare la tua nuova città e il quartiere, facendo le prime amicizie con i vicini che magari potranno guidarti ai negozi e ai servizi della zona. Va alla scoperta del posto, magari a piedi o in bici per sentirti subito a casa. Con l’occasione potresti visitare qualche palestra, la biblioteca comunale e i luoghi che potresti frequentare nel tuo prossimo futuro.
Fa’ nuove amicizie, se ti piace organizza una festicciola per conoscere i tuoi vicini o va’ a fargli visita.

Ma soprattutto: tira un sospiro di sollievo. Inizia la nuova vita!

Speriamo davvero di avervi aiutato a vivere quest’esperienza al meglio!
La nostra ditta di Traslochi Milano è a tua disposizione per assisterti nelle operazioni del trasloco, sostenendoti prima, durante e dopo. Chiedici un preventivo!

top